Cliniche Unica
Le Cliniche

3. 3. 2022

Le coppie ungheresi possono finalmente realizzare i loro sogni nella Repubblica Ceca

header-image
header-image

arsi di fronte alla prospettiva che gli ovuli della donna non riescano a rimanere incinta. Tra l'altro, l'insufficienza ovarica precoce, l'esaurimento delle ovaie o una malattia genetica possono essere il motivo per cui i medici consigliano il trattamento di donazione di ovuli. Tuttavia, in Ungheria potrebbero esserci degli ostacoli. Secondo la legge ungherese, solo una parente della coppia può donare gli ovuli alla coppia. Ma cosa succede se non hanno questa possibilità?

Fortunatamente, la regolamentazione legale dei programmi di donazione di ovuli in alcuni Paesi europei è diversa. Nella Repubblica Ceca, la donazione di ovociti è volontaria e anonima e le coppie che hanno bisogno di questo aiuto possono utilizzare programmi speciali di donazione presso le cliniche di fecondazione in vitro. Il processo di donazione di ovociti è legale e strettamente regolamentato nella Repubblica Ceca. Le cliniche Unica dispongono del più grande database di donatrici giovani e sane, per cui le coppie possono iniziare il loro trattamento di fecondazione con donazione di ovuli senza aspettare. Questo è uno dei motivi per cui sempre più pazienti ungheresi si rivolgono alle cliniche Unica di Brno e Praga.

Una delle nostre ex pazienti, Anikó, ha visitato la Clinica Unica di Brno e ha condiviso la sua esperienza sulla TV notturna Jakupcsek. Se l'è persa? Non preoccupatevi. In questo articolo vi presentiamo l'intera intervista.

Ha iniziato il suo trattamento per l'infertilità in una clinica privata, ma dopo due tentativi falliti è stata presto in viaggio verso la Repubblica Ceca. La prima volta, la gravidanza prevista non si è verificata nemmeno lì, ma grazie a una donazione di ovuli, Anikó Buzál ha ora una figlia di 5 anni.

Jakupcsek Gabriella. Ci dica, anche lei è andata in Repubblica Ceca? Dico sempre che non si tratta di mandare tutti in Repubblica Ceca, ma di capire quali opportunità ci sono qui e quali altrove, e naturalmente è anche una questione di soldi, di determinazione, di etica e di molte altre cose. Chi ha avuto per primo l'idea di assumersi la responsabilità della donazione dei bambini? L'avete esaminata, ne avete discusso? È stato suggerito a casa?

Anikó Buzál: È stato un processo, quindi quando ho iniziato a casa, ho pensato di provarci, non pensavo che sarebbe fallito. È un'esperienza scioccante quando fallisce e allora inizi a pensare. Quando arriva il secondo fallimento, poi arriva il terzo, e ti chiedi quanto valga la pena continuare, e devi guardare alle possibilità finanziarie, ed è un giro di montagne russe emotive, hai speranza, e poi hai delusioni, quindi ti chiedi quanto valga la pena provare. Ognuno arriva a questo punto in un momento diverso, ma per me è stato dopo il terzo figlio che ho iniziato a cercare opzioni e possibilità, ed è così che è emersa la possibilità della donazione di ovuli. Ed è per questo che sono andata in Repubblica Ceca.

JG: Lì è legale, aggiungerei, mentre in Ungheria non è permesso.

BA: Sì, in Ungheria è consentito se la coppia, la donna o l'uomo, ha una parente di sesso femminile che ha meno di 35 anni e ha già avuto un figlio.

JG: Un fratello o una sorella, forse?

BA: Sì, un fratello, una cugina, quindi in famiglia.

JG: Quindi si può donare solo in famiglia?

BA: Sì. Nella Repubblica Ceca, invece, la donazione è anonima, non si sa molto dei donatori, non c'è la possibilità di contattarli in seguito, quindi è consentita e regolata dalla legge. I donatori vengono compensati.

JG: È pagato dallo Stato o dalle cliniche?

BA: Le cliniche pagano.

JG: Quindi è la clinica stessa a procurare gli ovuli, a finanziarli e a passarli? Quindi funziona come una banca?

BA: Non proprio come una banca del seme, perché lì funziona che l'uomo consegna lo sperma ed è, come in una banca, lì dentro, ma per le donne è un processo più complicato ed è sempre, voglio dire, di solito è fatto in un modo nuovo.

JG: Quindi deve essere coordinato nel tempo?

BA: Sì, di solito sincronizzano il donatore e il paziente.

JG: Ti abbinano al donatore?

BA: Sì, possono dare una descrizione esterna, quindi noi diamo la nostra descrizione esterna, loro possono inviare una fotografia e da lì cercano di selezionare il donatore che corrisponde meglio. Noi non possiamo vedere la fotografia dei donatori, ma loro sì, e scelgono un donatore che assomigli il più possibile al paziente in termini di colore dei capelli, degli occhi, di corporatura.

JG: Fin dal primo trapianto, ha avuto successo?

BA: Sì, ho avuto successo fin dal primo.

JG: Quindi nel suo caso il problema era l'ovulo?

BA: Sì, ovviamente. Quando sono andata a Brno per un consulto, ho chiesto al medico che c'era fuori quali fossero le possibilità con il mio ovulo e lui mi ha detto che le possibilità erano molto, molto basse, 2-3%. Mentre con la donazione di ovuli le possibilità sono circa il 60%, quindi molto più alte.

JG: È una differenza enorme, però, e 60 non è 100...

BA: Esatto, sfortunatamente non tutti riescono a ottenerlo la prima o la seconda volta, bisogna essere preparati a questo.

JG: Il costo di questo intervento può essere paragonato a quello di una procedura simile in Ungheria?

BA: Si parte da circa 5000 euro, la differenza tra i due trattamenti, ovociti propri e da donatrice, è la quantità di farmaci e il loro costo. Nel trattamento con ovuli propri c'è la stimolazione e le iniezioni sono molto costose. Quindi la stimolazione è un trattamento più economico, ma il farmaco che dobbiamo acquistare è di circa 100.000 HUF per penna iniettabile, e ne servono di più in un solo trattamento, quindi nel complesso è quasi lo stesso prezzo del trattamento di donazione di ovuli. Ciò che è più costoso, tuttavia, è il farmaco, che richiede solo compresse.

JG: In questo caso, VOI dovete finanziare anche il costo della donatrice?

BA: Il costo della donatrice è incluso nel prezzo del trattamento.

JG: Ma è un prezzo fisso?

BA: Sì, è un prezzo fisso, ci sono prezzi a pacchetto, si sa in anticipo quanto si pagherà alla fine, non ci sono costi nascosti.

JG: Grazie mille e complimenti.

Articoli Correlati

header-image

4. 10. 2023

Guidare la Speranza e Costruire Famiglie come Coordinatore di FIV

Vi presentiamo Maja Henigman: Guidare la speranza e costruire famiglie attraverso il coordinamento della FIV.

header-image

17. 2. 2023

La storia della signora Landersheim

Il tentativo di rimanere incinta è meglio compreso da chi lo ha vissuto in prima persona. Ecco perché la storia della nostra ambasciatrice Sabine può dare ad alcuni di voi la motivazione e il coraggio di cui avete bisogno nel trattamento dell'infertilità.

header-image

11. 2. 2022

Tutti gli inizi sono difficili

Io e mio marito ci siamo conosciuti pochi anni fa e ora abbiamo quasi 40 anni. Naturalmente volevamo realizzare il nostro sogno di avere un figlio insieme e dopo un anno di tentativi infruttuosi siamo andati da un medico della fertilità.

header-image
Cliniche

Ricevimento di Praga:

Clinica di Praga

Resoconto annuale dall'istituto dei tessuti:

/

header-image
Clinica FIVET leader

© 2024 UNICA, S.r.l., IC 44960867, con sede a Brno. Tutti i diritti riservati. L'uso del contenuto vietato senza una precedente autorizzazione.
Made with ❤️ at Yolk Studio