I dubbi comuni sull’ovodonazione

Torna all'elenco

I dubbi comuni sull’ovodonazione

Prima di diventare donatrice di ovociti, qualsiasi donna cerca di comprendere l’intero processo. Tuttavia, molte di queste donne spesso si imbattono in articoli di web e discussioni non professionali che possono generare stress. Spesso si tratta di miti e supposizioni che devono essere spiegati e chiariti. Ecco perché in questo articolo spieghiamo perché questi dubbi sono del tutto superflui.

Mancanza di ovociti per una propria futura gravidanza
Qualunque donna in salute nasce con una scorta di alcune centinaia di migliaia di ovociti. Durante la sua vita, il corpo ne rilascia solo alcune centinaia. Solo alcuni vengono prese quando si donano gli ovociti, quindi ne avrai ancora a sufficienza per la tua gravidanza.
Gravidanza durante il processo di ovodonazione
A causa della stimolazione ovarica, la fertilità femminile aumenta. Tuttavia, smettere di utilizzare i contraccettivi non è necessario. Ti informeremo sempre sull’idoneità di una protezione contro gravidanze non volute.

Rischi durante il prelievo degli ovociti
La clinica Unica garantisce il rispetto delle procedure mediche più rigide per minimizzare le complicazioni durante il prelievo di ovociti. Queste potrebbero essere legate ad irritazione della pelle nel punto di iniezione della stimolazione, rossore o sensibilità al tocco. Le esperienze personali delle nostre donatrici vi convinceranno sicuramente che non c’è nulla di cui preoccuparsi durante il prelievo degli ovociti.

Paura della sindrome da iperstimolazione ovarica
Una complicazione della stimolazione ovarica può essere la cosiddetta “reazione inappropriata ed eccessiva delle ovaie”, chiamata sindrome da iperstimolazione. Le ovaie possono reagire ai medicinali utilizzati anche dopo la stimolazione e il prelievo degli ovociti. Potrebbero continuare ad essere gonfie, e la donna potrebbe sentire una pressione nell’addome inferiore e avere una sensazione di “pancia piena”. In questi casi, la donatrice viene in clinica per i controlli e le vengono date delle infusioni che correggono questa condizione. Nella maggior parte dei casi, la reazione eccessiva delle ovaie alla stimolazione passa da sola. La sindrome da iperstimolazione colpisce dall’1 al 2% delle pazienti, mentre questa condizione non influenza la loro fertilità futura in alcun modo. Siamo orgogliosi che durante la lunga attività della clinica Unica, abbiamo migliorato le nostre procedure a tal punto che dal 2010 abbiamo registrato solo due casi lievi di sindrome da iperstimolazione e, dal 2012, neanche uno. Grazie alla nostra cura eccellente, proteggiamo le donatrici da malesseri indesiderati, e i loro cicli non vengono interrotti. Forniamo alle nostre donatrici e pazienti un trattamento privo di stress, che è una delle motivazioni alla base degli alti tassi di successo della nostra clinica.

Dolore durante il prelievo di ovociti
La grande maggioranza delle donatrici ha giudicato il prelievo degli ovociti indolore e non ha avuto bisogno di prendere antidolorifici. Il processo richiede solo 10 minuti e viene eseguito in anestesia generale.

Paura di cancro ovarico
La stimolazione ovarica viene utilizzata nel trattamento dell’infertilità da più di 30 anni. Team internazionali di specialisti hanno cercato di verificare se questa stimolazione aumentasse l’incidenza di cancro ovarico e pubblicano continuamente i risultati dei loro studi. Il più vasto di questi è durato 20 anni ed è stato condotto in Israele. I risultati per ora hanno dimostrato che la stimolazione ormonale delle ovaie della paziente non minaccia l’aumento nell’incidenza di cancro. Quindi, questa procedura medica è sicura e non influenza il resto dello stato di salute della donna né la sua fertilità.

Preoccupazioni legate alla privacy
Secondo le leggi della Repubblica Ceca e dell’UE, la donazione è completamente anonima, gratuita e volontaria. Nessuna informazione privata verrà condivisa con lo staff medico, con te, o con il ricevente. Questa procedura esclude qualsiasi possibile identificazione da ambo i lati.

Articoli Correlati

Siamo qui per Voi

Non avete trovato le informazioni che cercavate? La nostra coordinatrice risponderà volentieri a tutte le Vostre domande e Vi aiuterà con la prenotazione della visita presso il nostro centro.

Contattaci