Domande frequenti

Abbiamo preparato per Voi le risposte alle domande più frequenti.

Se non trovate la risposta alla Vostra domanda, potete utilizzare il nostro modulo di contatto. Grazie.

Generali

  • Quali sono le precentuali di successo e garanzie del trattamento presso la clinica Unica?

     

    L’analisi dei risultati fatta negli ultimi anni ha dimostrato che 5 donne su 6 sono rimaste incinta dopo aver finito il trattamento. Proprio grazie a questi ottimi risultati, la clinica Unica è stata scelta dall’Università McGill di Montreal come un partner. Lo scopo di questa collaborazione è di raggiungere la massima professionalità del team, ottima qualità della cura e risultati al livello mondiale più alto possibile. La condizione più importante è di mantenere rigidamente un atteggiamento etico verso la fecondazione assistita.

    Neanche la nostra medicina della riproduzione di prima qualità, con le tecnologie più avanzate ed innovative nel mondo della medicina riproduttiva, non possono assicurare una gravidanza già dopo il primo ciclo a tutti.

    Garantiamo comunque la gravidanza, al più tardi, nel terzo ciclo IVF. Se non dovesse succedere, il 4° ciclo viene fornito alla paziente gratuitamente. Ci teniamo davvero alla realizzazione del Vostro sogno.

  • Chi è McGill?

     

    L’Università McGill è la migliore università canadese, il leader mondiale nel campo dell’istruzione medica e ricerca nella medicina. La sua facoltà di medicina è molto rinomata.

    McGill Reproductive Centre è un centro di medicina della riproduzione di ottima qualità con vari esperti nel campo. Tutti e due gli istituti sono partner strategici della clinica Unica e insieme cercheranno di sviluppare e condividere i procedimenti IVF più avanzati.

  • Quali sono i rischi del trattamento?

     

    Una delle complicazioni della stimolazione ovarica può essere la cosiddetta „inappropriata ed esagerata reazione delle ovaia“, la sindrome da iperstimolazione ovarica. Le ovaia reagiscono ai farmaci assunti anche dopo la loro sospensione e dopo il prelievo ovocitario. Le ovaia rimangono ingrandite e la paziente sente una pressione nel basso ventre e una sensazione di pancia gonfia. In tali casi, la paziente viene controllata regolarmente e le vengono somministrati delle flebi per rimediare al suo stato. La reazione esagerata delle ovaia alla stimolazione viene curata in modo spontaneo nella maggioranza dei casi. Secondo gli studi, la sindrome da iperstimolazione colpisce il 1-2% delle pazienti. La sindrome da iperstimolazione non comporta un rischio per la fertilità futura della donna.

    Durante il periodo, in cui ci occupiamo del trattamento di infertilità, abbiamo ottimalizzato i nostri procedimenti in tal maniera, che dal 2010 abbiamo registrato soltanto 2 casi leggeri della sindrome da iperstimolazione ovarica e dal 2012 addirittura nessun caso. Grazie a questo procedimento, le nostre pazienti possono evitare un eventuale disagio ed i cicli non vengono annullati. Le pazienti sono perciò contente e le percentuali di successo altissime.

  • È sicura la stimolazione ovarica?

     

    La stimolazione ovarica viene utilizzata nel trattamento dell’infertilità già da più di 30 anni. Durante questo periodo, team dei medici in tutto il mondo stanno cercando di verificare se la stimolazione ovarica non aumenta i rischi di malattie tumorali delle ovaia. I risultati vengono regolarmente pubblicati. Lo studio più comprensivo si è svolto in Israele per più di 20 anni. Tutti gli studi fatti finora hanno dimostrato che la stimolazione ovarica non comporta i rischi di malattie tumorali nelle pazienti.

    La stimolazione ovarica viene considerata come un procedimento medico sicuro, il quale non influisce sullo stato di salute e fertilità della donna.

  • Quanto costa il trattamento?

     

    Il costo del trattamento presso la clinica Unica varia a seconda del trattamento scelto dai pazienti. Ogni coppia stabilisce il costo del proprio trattamento. Ulteriori informazioni sui tipi di trattamenti e relativi prezzi Vi saranno forniti dalla nostra coordinatrice o dal medico. Nel caso la Vostra assicurazione sanitaria garantisce un rimborso delle spese, il nostro reparto economico insieme alla coordinatrice rilasciano volentieri tutta la documentazione necessaria sul Vostro trattamento presso il nostro centro, della quale avrete bisogno per la mutua.

    Potete rivolgerVi a noi in qualsiasi momento, saremo lieti di informarVi sul prezzo del trattamento specifico presso il nostro centro.

  • Ci sono dei limiti d’età dei pazienti?

     

    Secondo la legge della Repubblica Ceca, possono ricorrere al trattamento le donne fino a 49 anni. L’età media delle pazienti della clinica Unica è oltre 40 anni.

Donazione

  • Da quanto tempo la clinica Unica si occupa del trattamento di ovodonazione?

     

    La Clinica Unica ha iniziato ad eseguire il trattamento di ovodonazione nel 2003, abbiamo quindi una vasta esperienza nel campo. Il procedimento è stato portato alla perfezione insieme ai medici specialisti israeliani della Clinica di Ginecologia e Ostetricia dell’ Ospedale Universitario Hadassah di Gerusalemme, le cui pazienti si sono sottoposte alla terapia da noi. Dal 2014, la clinica Unica è il partner dell’Università McGill di Montreal.

  • È il trattamento di ovodonazione anonimo?

     

    La legge n. 373/2011 dichiara che per la fecondazione assistita possono essere utilizzate cellule gametiche provenienti da un donatore o una donatrice anonima.

    La clinica, la quale è autorizzata ad effettuare procedimenti e metodi della riproduzione assistita, è obbligata ad assicurare l’anonimato reciproco tra la donatrice e la coppia infertile ed allo stesso tempo tra la donatrice e il bambino nato grazie alla fecondazione assistita. La clinica che ha effettuato la valutazione delle condizioni di salute della donatrice anonima, è obbligata a conservare la documentazione sulle condizioni di salute della donatrice per 30 anni dal intervento di fecondazione assistita. In base ad una richiesta scritta dalla coppia infertile o dalla persona nata tramite la fecondazione assistita, la clinica è obbligata di fornire informazioni sulle condizioni di salute della donatrice, conservando principi di anonimato.

    La donazione è nella Repubblica Ceca il processo assolutamente anonimo e la legge impone anche i criteri per le donatrici potenziali. Le regole interne della clinica Unica sono però molto più rigide rispetto a quelle imposte dalla legge – le nostre donatrici hanno tra i 20 – 30 anni e di solito si tratta di studentesse universitarie (per ulteriori informazioni vedi la domanda „Chi può diventare una donatrice di ovociti presso la clinica Unica?“).

  • Chi può diventare una ricevente di ovociti donati?

     

    Le nostre pazienti sono di solito donne con scarsa qualità ovocitaria ed anche:
    - Le donne, le quali si sono sottoposte più volte al trattamento IVF, senza riuscire a produrre ovociti o embrioni di qualità
    - Soprattutto le donne in età avanzata possono produrre ovociti di scarsa qualità, i quali non sono idonei per la fecondazione, oppure gli embrioni ottenuti sono difettosi, incapaci di uno sviluppo sano.
    - Le donne nate senza ovaia, oppure le donne che si sono sottoposte ad una rimozione di ovaia.
    - Le donne colpite dal fallimento ovarico prematuro (menopausa) che non hanno più il ciclo mestruale.
    - Le donne, nelle quali è stato individuato un difetto cromosomico che potrebbe essere trasmesso ai figli.

    Secondo la legge della Repubblica Ceca possono ricorrere al trattamento le donne fino a 49 anni.

  • Come scegliere la donatrice di ovociti?

     

    Per la scelta delle donatrici la clinica Unica dispone dal centro di donazione speciale. Tutte le consultazioni si svolgono a questo centro, oppure a distanza. Il centro di donazione a Praga serve per effettuare esami e dare un appoggio alle donatrici.

    Nella scelta della donatrice rispettiamo naturalmente il gruppo sanguigno, fattore Rh e tratti somatici, cioè il colore degli occhi, capelli e la corporatura. Inoltre, prendiamo in considerazione le esigenze specifiche delle nostre pazienti come per esempio il carattere, l’istruzione, ecc.

    In base a queste esigenze scegliamo di solito 3-4 donatrici più adatte dal nostro registro ed i pazienti possono fare la scelta. La scelta della donatrice è quindi un processo reciproco, fatto sia dalla clinica Unica che dai pazienti.

    La donazione di ovociti è nella Repubblica Ceca un processo legale, la legge permette soltanto la donazione anonima (per ulteriori informazioni vedi „È il processo di ovodonazione anonimo?“)

    Durante la scelta della donatrice e durante tutto il percorso del trattamento, ogni paziente ha a sua disposizione la coordinatrice che parla la loro lingua.

  • Quante visite alla clinica Unica sono necessarie durante il trattamento di ovodonazione?

     

    Il trattamento di ovodonazione di solito richiede 2 visite alla clinica Unica.:
    - La visita del partner il giorno del prelievo ovocitario della donatrice per consegnare il liquido seminale. La presenza della donna ricevente non è necessaria.
    - La visita della donna ricevente il giorno dell’embriotransfer dopo la coltivazione prolungata (di solito 5 giorni). La presenza del partner non è necessaria.

    Sul desiderio della coppia, è possibile venire da noi per un appuntamento con il medico prima di iniziare il trattamento. Il colloquio può essere effettuato anche a distanza per telefono/videoconferenza. Se i pazienti vengono alla prima visita in persona, è possibile congelare gli spermatozoi per evitare un altro viaggio per la consegna del liquido seminale il giorno del prelievo ovocitario della donatrice. È importante che la paziente venga per l’embriotransfer.

    Di solito i nostri pazienti vengono in clinica insieme, passando una settimana a Brno. Il giorno del prelievo ovocitario viene il partner per consegnare lo sperma e 3-5 giorni dopo viene la donna ricevente per il transfer degli embrioni. Le possibilità di successo possono essere aumentate in questo periodo tramite i metodi di supporto.

  • Quali sono i tempi di attesa per ovociti donati?

     

    Il trattamento di ovodonazione può iniziare senza alcuna attesa. Grazie alla sua esperienza di lunga durata nel trattamento con ovociti donati, insieme alla reputazione di un centro con la migliore cura delle donatrici (vedi la domanda „Chi sono donatrici di ovociti presso la clinica Unica?“), nel database del centro Unica ci sono sempre abbastanza donne giovani pronte ad aiutare subito. Le donatrici sono sottoposte agli esami rigidi e pronte per essere assegnate ad una donna ricevente.

  • Quali sono le percentuali di successo della terapia di ovodonazione?

     

    Gli embrioni provengono dagli ovociti donati dalle donne giovanissime e la percentuale di successo è perciò altissima già nel primo ciclo. Dopo il trasferimento di 2 embrioni (in dipendenza dalla qualità degli spermatozoi), rimangono incinta più del 50% delle pazienti già nel primo ciclo.

  • Come si svolge la terapia di ovodonazione?

     

    La stimolazione ovarica della donatrice viene sincronizzata con la preparazione della donna ricevente. Gli ovociti maturi vengono prelevati e donati alla donna ricevente. Gli ovociti sono successivamente fecondati nel laboratorio tramite gli strumenti più moderni con gli spermatozoi del partner e dopo alcuni giorni di coltivazione sono trasferiti come gli embrioni nell’utero di una donna – la futura madre, che portera‘ a termine la gravidanza fino alla nascita di un bambino sano.

  • Ormoni e la sicurezza del processo

     

    La parola ormoni provoca in molte donne preoccupazioni e paura, di ingrassamento, cancro o altri stati imprevisti e avversi. È perciò importante sottolineare che l’effetto negativo sulla donna lo possono avere soltanto gli estrogeni, i quali non vengono utilizzati durante la stimolazione ovarica. Gli estrogeni influiscono sulla ghiandola mammaria nel seno e sulla mucosa uterina, quindi sul ciclo mestruale. In questi tessuti possono sotto alcune condizioni provocare la crescita cancerosa. Altri ormoni però non rappresentano nessun rischio per la donna. Durante la stimolazione ovarica la donna non assume estrogeni.

    Nel ciclo mestruale naturale, nell’ovaio matura un’ovocita in un piccolo sacco, il follicolo, sotto l’influenza dell’ormone ipofisario FSH – Ormone follicolo-stimolante. Il follicolo crescente produce un ormone femminile, l’estradiolo. Questo estrogeno provoca la crescita della mucosa uterina. Non appena il follicolo raggiunge circa 25 mm, scoppia e un ovocita esce fuori. Inizia l’ovulazione e la produzione dell’estradiolo si ferma. Il livello dell’estradiolo quindi diminuisce, suscitando in alcune donne delle perdite leggere. Dal follicolo scoppiato si forma il corpo luteo, il quale produce il progesterone, l’ormone della seconda metà del ciclo mestruale.

    La stimolazione delle ovaia per ottenere gli ovociti per la fecondazione assistita simula il ciclo mestruale naturale. Le ovaia però vengono stimolate con la dose più alta del FSH per far maturare più ovociti. La fecondazione di più ovociti aumenta la probabilità della formazione di un embrione di qualità e di una gravidanza riuscita. Il procedimento della stimolazione è uguale nel caso gli ovociti della donna vengono utilizzati per lei stessa, oppure se vengono donati ad un altra nel processo di un’ovodonazione.

    Durante la stimolazione ovarica, nelle ovaia maturano più follicoli con ovociti, producendo le dosi più alte dell’estradiolo. La stimolazione ovarica dura cira 10 giorni, successivamente, i follicoli sono sotto il controllo ecografico prelevati e gli ovociti con il liquido follicolare sono aspirati. In questo momento si ferma la produzione dell’estradiolo e il livello degli estrogeni diminuisce bruscamente.

    La donna è quindi sottoposta all’influsso dei livelli dell’estradiolo più alti soltanto per 6 giorni, ciò non ha nessun influsso significativo al suo organismo..

    Se la donna rimane incinta e tutto procede bene, la placenta produce nel corso della gravidanza la dose dell’estradiolo cento volte più alta rispetto a quella prodotta durante la stimolazione ovarica. La donna è perciò sottoposta all’influsso dell’estradiolo per 2/3 della gravidanza, cioè per 6 mesi. Soltanto l’assunzione degli estrogeni di lunga durata nella menopausa comporta un rischio.

    L’assunzione degli estrogeni per pochi giorni non provoca né un ingrassamento né un rischio del cancro dell’utero o al seno. Tutto il processo è quindi completamente sicuro.

  • In che cosa consiste la preparazione della donna ricevente?

     

    La donna ricevente viene preparata per il transfer con l’assunzione di estrogeni e la maggior attenzione viene concentrata sul suo endometrio. La donna ricevente non è sottoposta a nessuna stimolazione, i dosaggi degli ormoni e farmaci utilizzati sono individuali – cerchiamo sempre di rispettare i processi naturali nell’organismo della donna. La preparazione di ogni paziente è sempre fatta su misura della paziente secondo i suoi bisogni particolari per preparare l’endometrio in miglior modo possibile per il transfer.

  • Quanti ovociti ottiene la donna ricevente?

     

    La donna ricevente ha sempre a disposizione tutti gli ovociti ottenuti dalla donatrice. Una donatrice viene associata ad una ricevente. Di solito riusciamo ad ottenere 10 – 12 ovociti maturi. Dopo la fecondazione, gli embrioni sono coltivati nel laboratorio.

    La coltivazione prolungata di 5 giorni ci permette di individuare gli embrioni difettosi, che di solito fermano il loro sviluppo. Gli embrioni rimanenti hanno le maggiori possibilità di sviluppo sano.

  • Come si svolge la fecondazione di ovociti donati?

     

    Gli ovociti donati vengono fecondati con gli spermatozoi del partner della donna ricevente. Il liquido seminale viene consegnato in clinica il giorno del prelievo ovocitario della donatrice di mattina. Se viene utilizzato per la fecondazione il seme congelato, consegnato già prima e conservato nella nostra criobanca, non è necessario venire il giorno del prelievo ovocitario da noi. Per la fecondazione si utilizzano gli spermatozoi scongelati e bisogna venire in clinica soltanto per il transfer. Per aumentare le possibilità di successo, ogni ovocita viene fecondato con lo spermatozoo ottimale, scelto con il metodo ICSI. In base ai valori dello spermiogramma, il medico può raccomandare ai pazienti il metodo PICSI o IMSI per la scelta degli spermatozoi.

  • Quando viene effettuato l’embriotransfer dopo la donazione di ovociti?

     

    Gli embrioni in continuo sviluppo vengono trasferiti nell’utero il 5° giorno di coltura. Di solito trasferiamo un embrione, al massimo due embrioni, sul desiderio della paziente.

  • Quando posso ripartire dopo l‘embriotransfer? Potrebbe un viaggio più lungo influire sull’esito?

     

    Dopo l’embriotransfer raccomandiamo di fare la vita quotidiana normale. Non è necessario stare a letto, infatti, non è stato mai dimostrato che un riposo aumenti le possibilità di successo. Raccomandiamo comunque di ridurre l’attività fisica per 3 giorni (non fare lo sport, non avere i rapporti, ecc.).

  • Quanti embrioni dagli ovociti donati vengono trasferiti?

     

    La decisione sta sempre alla coppia ricevente. Di solito trasferiamo 1 embrione scelto, sul desiderio della coppia possiamo trasferirne anche 2 (con un rischio di una gravidanza gemellare).

  • È possibile congelare gli embrioni dagli ovociti donati?

     

    Se ci sono più embrioni in continuo sviluppo il 5° giorno della coltura, gli embrioni non trasferiti possono essere congelati tramite la vitrificazione e dopo lo scongelamento può essere effettuato il secondo transfer per avere un altro bambino. Le possibilità di successo con il transfer da congelato sono più basse rispetto al ciclo da fresco (verso il 25-45%), perché alcune cellule possono essere danneggiate dai cristallini di ghiaccio.

  • Domande pratiche

    Siamo qui per Voi

    Non avete trovato le informazioni che cercavate? La nostra coordinatrice risponderà volentieri a tutte le Vostre domande e Vi aiuterà con la prenotazione della visita presso il nostro centro.

    Aneta Dytrychova
    Aneta
    ivf@unica.cz

    Fissare l’appuntamento online

    Il modo preferito del contatto

    Grazie, il Suo messaggio è stato inviato

    La contatteremo appena possibile

    Questo sito utilizza un cookie per garantire una migliore esperienza di navigazione. Se continuerà ad utilizzare questo sito, acconsenirà il nostro utilizzo dei cookie. Per saperne di più